chirurgia orale

La chirurgia orale presso la nostra struttura viene eseguita prevalentemente dal Dr. Domenico Sfondrini, medico chirurgo specialista in chirurgia maxillo facciale.

Fondamentalmente si tratta di piccola chirurgia che viene effettuata presso le comuni sale operative odontoiatriche, rispettando ancor più severamente le norme di sterilità. Secondo le necessità o, in caso di interventi più complessi, viene utilizzato il blocco operatorio con anestesia generale o sedazione.

 

 

AVULSIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO INCLUSI

 

E' un intervento molto comune in odontoiatria.

Spesso questi elementi dentari rimangono inclusi (ritenuti nell'osso dei mascellari) completamente o parzialmente. La necessità di asportare i denti del giudizio riconosce fondamentalmente più cause:

 

-infiammazioni ricorrenti attorno al dente del giudizio (pericoronariti) con eventuali ascessi

-impossibilità del II° molare di erompere in arcata per impedimento meccanico da parte del dente del giudizio

-carie destruente
-presenza di tasca parodontale molto profonda

 

L'intervento si esegue normalmente in anestesia locale e possono essere asportati nella stessa seduta fino a 4 denti del giudizio, anche se inclusi.

 

 

DISINCLUSIONE ELEMENTI DENTARI INCLUSI


In alcuni pazienti possono essere presenti elementi dentari inclusi(nella compagine ossea)che non erompono in arcata. Questi elementi possono spesso essere recuperati con un approccio combinato chirurgico-ortodontico(attraverso l'utilizzo di bande applicate al dente e aggiungendo una forza di trazione).

La disinclusione permette dunque di recuperare elementi dentari non visibili(perchè nascosti nell'osso)e di riportarli in arcata, ottenendo una occlusione corretta.

Mantenere un elemento dentario incluso,con il passar del tempo, può portare alla formazione di una cisti odontogena follicolare.

 

 

APICECTOMIE E OTTURAZIONI RETROGRADE

 

Le apicectomie e le otturazioni retrograde vengono effettuate quando, dopo devitalizzazione del dente, persistono aree osteolitiche-granulomi a livello dell apice della radice del dente interessato.
Può essere presente dolore sordo, sensazione di "fastidio".
L'intervento ha loscopo di rimuovere il granulome e di asportare la porzione apicale(apice) della radice del dente, eliminando quei foci infettivi responsabili dei granulomi.
Nello steso intervento s procede solitamente ad isolare con una otturazione detto apice per siglillare eventuali residui infettivi.
Nella maggior parte dei casi si ottiene una guarigione completa e si evita in questo modo di estrarre il dente responsabile della sintomatologia.

 

 

ASPORTAZIONE NEOFORMAZIONI BENIGNE DEL CAVO ORALE

 

Le patologie benigne di interesse chirurgico più frequenti sono rappresentate dalle neoformazione cistiche dei mascellari.
Esse sono per lo più di natura odontogena e possono derivare da granulomi apicali o dal sacco dentario di un elemento ritenuto nell'osso. In ogni caso queste lesioi-srtutture evolvono in una neoformazione cistica(rivestita la suo interno da epitelio, che per definizione tende sempre ad ingrandirsi, erodendo la compagine ossea e portando talvolta a fratture patologiche dei mascellari.
Per questo motivo la loro asportazione appare essere assolutamente necessaria.

Share by: